Vai al contenuto

Sacerdote

Karen e Vladimir, Beffati dalla Sorte

Ebbero perlomeno degna sepoltura: Karen, la taciturna esperta di esplosivi, anch’ella alla ricerca della terra promessa in un mondo che unisce magia e tecnologia; e Vladimir, l’ex astronauta russo ritornato sulla Terra post-apocalittica, riciclatosi guru spirituale dei disperati, primo sacerdote della religione che venerava lui stesso. Entrambi figli della Terra degli uomini prima della sua fusione con il mondo magico, entrambi per la prima volta di fronte a un vero drago, entrambi con l’intento di ucciderlo al solo scopo di curare la maledizione del loro compagno D’Vann. Ed entrambi che, di fronte alla primeva potenza della bestia, valutando le loro doti rispettivamente di demolitrice d’imbonitore ciurmatore fanatico parlatore, si guardarono pensando: “E io che caspita ci faccio qui?” Caduti eroicamente… Leggi tutto »Karen e Vladimir, Beffati dalla Sorte

AErion: Lo Scontro Finale – Parte 2

Siamo alla svolta finale: i superstiti dei nostri eroi sono entrati nel tempio multidimensionale ove cresce l’ultima forma rimasta di Ssertrous il dio-serpente. Ma dove si trova? Bisogna esplorare la ziggurat dell’incubo… Artorias: Ma, una volta sconfitto Ssertrous, come torneremo nel nostro mondo? Morrn: Mi restano solo tre libbre di tabacco, abbastanza per arrivare fino a domani [sic!]. Ma, se troviamo il modo di vincere e di uscire vivi da qui, faccio voto di non fumare mai più. DiEmi: In realtà Morrn sarà l’unico a sopravvivere allo scontro finale… poi morirà di cancro ai polmoni! Ixpacal: Di là si trova il luogo dove vengono conservate le offerte votive. Arden (sospirone): Meglio cercare il passaggio segreto che conduce in cima. Ixpacal:… Leggi tutto »AErion: Lo Scontro Finale – Parte 2

Gesti Divini

DM: “Ok, la sacerdotessa si trova davanto alla solita bacinella di pietra sopra ad un piedistallo, sta per farvi vedere la divinazione e per farlo esegue sopra alla bacinella dei gesti… uh…. divini.” Giocatore: “Gesti divini?!” DM: “È una magia divina, non arcana… non può fare gesti arcani.” Giocatore: “Ah, beh, fintanto che divina divinamente.”

AErion: Lo Scontro Finale – Parte 1

Ormai siamo alle battute finali della campagna: dopo tre anni di gioco e 16 livelli buoni, gli eroi più potenti dell’ambientazione vanno ad affrontare l’ultima incarnazione di Ssertrous il demone-serpente, prima che esso possa assurgere al potere di un vero dio. Certo, arrivare a lui è un altro paio di maniche… DiEmi: Mexili [una sciamana cobolda che avevano aiutato anni prima] deve proteggere la fuga dei profughi dall’isola, ma vi aiuterà più che può: con le sue benedizioni vi lancia anzitutto grazia del gatto migliorata… Morrn: Che effetto fa? Io ho grazia del gatto di massa… Arden: Io ce l’ho di Livorno, ma tanto non funziona uguale! Tanto son della stessa provincia! (sic!) I nostri eroi saranno anche eccezionali, ma… Leggi tutto »AErion: Lo Scontro Finale – Parte 1

Danni Collaterali

La prima missione. Un’eroica prima missione, fatta di astuzie, coraggio e strategia, per avere ragione della banda di orchi predoni che si era stabilita nella torre diroccata. E vinsero. I PG, una volta infiltratisi all’interno, aprirono barili e barili dell’olio trovato nella torre, per trasformare l’edificio in una trappola; e così gli orchi morirono nel rogo, mentre i nuovi eroi tornavano trionfanti al villaggio. Un piano magistrale, una giocata epocale, una missione perfetta, guastata solo dall’impossibilità di trovare l’ultimo carico rubato dagli orchi. Il sacerdote li accolse con gioia: “Siete tornati! Chissà come sarà felice Kyarik!” Strega: E chi è ‘sto Kyarik? Borgomastro (olimpico): È il proprietario del carico d’olio che era stato rubato ieri!

Capitolo I

Gli dèi hanno abbandonato Krynn. Ora, in realtà, non è che se ne volessero realmente andare. Fatto è che un certo sacerdote di Istar aveva fatto un po’ troppo il grosso e, per punirlo, le divinità (che evidentemente difettano di mira) gli hanno scaraventato contro un’intera montagna infuocata, permettendosi, dopo, di fare anche gli offesi perché i sopravvissuti al cataclisma non avevano ripreso a venerarli, ma piuttosto ad inveire contro di loro. Misteri di un popolo ingrato. Comunque sia gli dèi se c’erano non si vedevano e i pochi sacerdoti rimasti lo erano molto più di nome che di fatto. Insomma di miracoli non se ne vedevano più e gli avventurieri che morivano in terre lontane, rischiavano di rimanere morti… Leggi tutto »Capitolo I

Duncan

Se qualcuno fosse nell’immediata ed incomprensibile necessità di dare un volto al Male, e si trovasse momentaneamente sprovvisto di demoni e simili, può tranquillamente rivolgersi al primo (per anzianità) sacerdote del gruppo. Collocato tra i principali motivi della cosiddetta “deriva delle avventure” per un suo naturale e categorico rifiuto a perseguire lo scopo di ogni missione, ha però una predisposizione a circondarsi di folli seguiaci fanatici o, in alternativa, di schifosissimi zombi. Sembra che anche la malvagia divinità che egli serve, abbia avuto da ridire (sottovoce però) sul suo operato ritenuto troppo caotico. Duncan è una vera mina vagante per l’intera compagnia di avventurieri che, a dire il vero, non ha ancora ben chiaro quali siano i motivi che hanno… Leggi tutto »Duncan

Bergsten de Molay

Sacerdote Scampato a immani pericoli incontra per caso il dio Paladine che per premio lo fa impazzire, spogliare e lo conduce in cielo con sé. Che c..fortuna!